La Torà del giorno: Beshallàkh (3)

15 L’Eterno disse a Mosè: «Perché Mi preghi [ancora]? Parla ai figli di Israele [dicendo loro] che si mettano in cammino. 16 Tu [devi fare così:] alza il tuo bastone, stendi la tua mano sul mare e dividilo; i figli di Israele allora entreranno nel mare all’asciutto. 17 [Quanto a] Me, Io indurirò il cuore degli egiziani ed essi li inseguiranno; Io acquisterò onore grazie al faraone e a tutto il suo esercito, i suoi carri e la sua cavalleria. 18 Gli egiziani sapranno che Io sono l’Eterno quando, grazie al faraone, acquisterò onore sui suoi carri e sui suoi cavalieri». 19 L’angelo del Signore che procedeva dinanzi all’accampamento di Israele si mosse [dalla sua posizione] e si mise alle loro spalle. [Anche] la colonna di nube si mosse [e passò] dal loro fronte anteriore e si pose dietro a loro. 20 Essa venne a stare tra l’accampamento degli egiziani e l’accampamento di Israele. [Per gli egiziani] c’era nebbia e oscurità mentre [la colonna di fuoco] illuminava la notte [per gli Israeliti]. Per tutta quella notte [l’accampamento di] uno non poté avvicinarsi all’altro. 21 Mosè stese il suo braccio sul mare e l’Eterno fece ritrarre il mare con un forte vento orientale [che soffiò] per tutta la notte; trasformò il mare in luogo asciutto e le acque si divisero. 22 I figli di Israele entrarono all’asciutto dentro il mare e le acque formavano per loro un muro alla loro destra e alla loro sinistra. 23 Gli egiziani cercarono di raggiungerli e li inseguirono, tutta la cavalleria del faraone, i suoi carri e la cavalleria, fin dentro il mare. 24 Era la veglia del mattino [al termine della notte] quando l’Eterno rivolse [la propria attenzione] all’accampamento degli egiziani e, per mezzo della colonna di fuoco e nube, produsse scompiglio nell’accampamento degli egiziani. 25 Fece staccare le ruote ai loro carri e li fece muovere faticosamente; gli egiziani dissero: «Scappiamo di fronte a Israele perché l’Eterno sta combattendo per loro contro gli egiziani».

La Torà cantata
Sefer Shemòt
vv. 14, 15 - 14, 25

Voce di Moise Levy
Commento del giorno sulla Torà

Essi dissero a Moshè: non cerano forse tombe a sufficienza in Egitto che tu ci hai preso per farci morire nel deserto (Shemòt 14, 11). I Maestri c’insegnano a porre attenzione a ciò che esce dalle nostre labbra, poiché ciò che viene detto può trasformarsi in profezia e avverarsi in futuro. Così fu per la generazione che uscì dall’Egitto, che dissero a Moshè ...per farci morire nel deserto...: in quell’occasione i figli d’Israele parlarono negativamente senza porre attenzione alle parole, ma, dopo il peccato degli esploratori (Bemidbàr 14, 29 - 35), il Santo Benedetto, decreta su di loro la morte nel deserto e realizzò quella profezia.

Martedì 13 Shevat 5781 - 26 Gennaio 2021
Tallit e Tefillin: 6.53
Hanetz HaChama: 7.51
Termine lettura Shema: 9.32
Mincha Ghedola: 12.58
Tramonto: 17.19
Tre stelle: 17.58
Tehillim del giorno
Scansione mensile:
salmi 69 - 71

PDF

AUDIO
Kitzur Shulchan Aruch del giorno
Scansione annuale: cap. 55, 2
Precedenza tra le “sette specie” 

PDF
Le Mitzvot del giorno

POSITIVA 107 Impurità rituale derivante dal contatto diretto o indiretto con un morto

Quando un uomo muoia in una tenda, chiunque entri nella tenda… sarà impuro

(Bemidbàr 19, 14) [398].